La paura di invecchiare, esiste e ci si devono fare i conti. Forse oggi ancora più di ieri perchè non ci si sente accettati, nè apprezzati.

e il mio maestro mi insegnò come è difficile trovare l’alba dentro l’imbrunire .(grazie Franco Battiato)

La paura di invecchiare

Dice “No, io non ho paura di invecchiare. Semmai ho paura di ammalarmi“. E il caro, vecchio, Sigmund Freud se la ride. Lui che ci ha insegnato il metodo delle associazioni, non potrebbe fare altrimenti. Perchè lo stesso fatto di associare la patologia alla vecchiaia, la dice lunga sull’immaginario collettivo.
Facciamocene una ragione, la vecchiaia fa anche paura. Oggigiorno, probabilmente, è ancora più temuta che in passato.

Infatti, c’è stato un tempo, nemmeno poi così lontano, in cui i vecchi avevano una alta considerazione sociale e mantenevano un ruolo all’interno delle famiglie. Erano considerati esperti, memoria storica, saggi. Spesso vivevano nelle loro case fino alla fine dei loro giorni, aiutati da badanti e figli. Altrettanto spesso vivevano proprio con i figli, sicuramente tra mille difficoltà, ma l’ospizio era considerato davvero l’ultima spiaggia. E’ sicuramente vero che lo stile di vita delle famiglie degli anni ormai trascorsi era del tutto differente da quello attuale e la convivenza era più compatibile. Ma sicuramente c’era un’attenzione maggiore ai familiari nella fase dell’invecchiamento.
Oggi lo scenario è del tutto differente e insieme allo scenario è cambiata la nostra percezione della vecchiaia, altrui e nostra. Quella altrui è vissuta come un peso e la nostra spaventa. E questo spiega tante cose. Dal non accettare il pensionamento (molte persone lo soffrono tantissimo), al curare il proprio aspetto in modo morboso, al non dichiarare la propria età in pubblico (eh no, non è più vero che a una donna non si chiede l’età. E’ buona norma non chiederla proprio a nessuno, da una certa in avanti).
Sto generalizzando, è evidente che per alcuni non sia così. Ma per lo più questo è il panorama. Invecchiare è quasi un tabù. Era anche uscito uno slogan pubblicitario che diceva “vietato invecchiare” e aveva fatto un gran successo.
https://flaviaepsiche.it/2021/10/26/vietato-invecchiare/

La paura di invecchiare

La vecchiaia è l’ultima fase della nostra vita, quella che precede la nostra dipartita. E con questa storia non ci abbiamo mai voluto fare i conti. A oggi è rimasto l’ultimo tabù, la fine, la morte, non si deve citare. Si fanno gli scongiuri, si cambia discorso. Con estrema banalità si evita il discorso e, prima ancora, il pensiero. Ci coglie ancora di sorpresa. Ha dell’incredibile, ma è così. La vecchiaia paga questo scotto, ricorda troppo la fine della vita, quindi non ci piace. Ci spaventa una paura che è la più grande che possiamo provare, l’angoscia. (https://www.riza.it/psicologia/ansia/4159/angoscia-l-ansia-piu-subdola.html)

Piano di realtà

Se stiamo su un piano di realtà, forse possiamo iniziare a guardare in faccia la vecchiaia senza temerla oltremodo.

E’ vero che spesso insorgono patologie, ma è altrettanto vero che la medicina – unita a stili di vita consapevoli – ha dato una svolta enorme alle patologie. Purtroppo non abbiamo ancora imparato a rivolgerci ai geriatri, che sono specializzati nella terza età e hanno … un sacco di conigli nel cilindro. Sembra una banalità, ma non lo è: esattamente come portiamo i bambini dai pediatri, dobbiamo rivolgerci ai geriatri ad un certo punto della nostra vita.

Che la società moderna preferisca chi produce a chi ha prodotto lo sappiamo bene, ma è altrettanto possibile, se lo si vuole, ritagliarsi degli spazi a livello sociale. Quello che si è imparato, vogliamo darlo a chi ancora non lo sa? E allora, se la salute accompagna, si cerca la soluzione adatta a noi.

E ci si può divertire ancora, e viaggiare, e frequentare amici … l’importante è farlo rispettando le esigenze che, sicuramente, non sono le stesse di venti anni prima. Ma le astuzie non dovrebbero mancare, a una certa:

  • Ci si trova per pranzo invece che a cena;
  • Se si ha piacere di invitare qualcuno a casa ci si fa dare una mano: esistono le pasticcerie e le gastronomie per fortuna!
  • Si va a ballare o al cinema di pomeriggio e anche a teatro;

… Insomma non devo dirti proprio tutto 🙂

Se stai leggendo questo articolo è molto probabile che non sia tu la persona in questione, ma forse un tuo genitore. Inizia a guardarlo con questo sguardo, forse ti aiuta a comprendere certi suoi momenti NO.

… detto questo, voglio invecchiare come lei!

Se vuoi approfondire il tema, ti consiglio di leggere il libro La forza del carattere di James Hillman.

Link

https://flaviaepsiche.it/category/60-e-dintorni/
https://flaviaepsiche.it/2021/12/01/sai-chi-ho-incontrato-miiii-come-e-invecchiato/
https://flaviaepsiche.it/2021/10/27/a-volte-sembra-ieri-altre-un-secolo/
https://www.mangiaviviviaggia.com/paura-di-invecchiare-arte-zen/